Accademia di Protezione Civile e Gestione delle Emergenze

Stampa PDF email

L’Università degli Studi Internazionali di Roma – UNINT partecipa al processo di avanzamento e di integrazione culturale nel nostro Paese promuovendo una dimensione internazionale e dinamica degli studi, nella consapevolezza che la formazione e la ricerca universitaria rappresentano una risorsa essenziale per il Paese e per la sua competitività nello scenario internazionale. È con questo spirito che nel 2014 UNINT ha creato la Accademia di Protezione Civile e Gestione delle Emergenze, un centro di informazione, formazione e ricerca che si propone come anello di congiunzione tra autorità locali, enti di ricerca, associazioni di categoria, istituzioni e addetti ai lavori coinvolti nella protezione civile e nella gestione delle emergenze

L’obiettivo principale dell’Accademia è di fornire strumenti utili per contenere o, ancor meglio, prevenire l’insorgenza di eventi catastrofici di carattere naturale o umano che siano riconducibili a:

  • Rischio sismico;
  • Rischio idrogeologico;
  • Rischio CBRNE (rischio chimico-biologico-radiologico-nucleare-esplosivo);
  • Rischio di attacchi terroristici;
  • Rischio meteorologico;
  • Rischio vulcanico;
  • Rischio incendi.

A partire da tali tematiche, l’Accademia si pone come un ente strutturato che svolge:

  1. Attività di informazione, tra cui:

    • raccolta di informazioni afferenti le più significative iniziative scientifiche e culturali riguardanti tematiche di interesse per la protezione civile e la gestione delle emergenze;

    • elaborazione di un rapporto periodico indipendente sullo stato dell’arte di tutte le attività condotte dai vari enti di ricerca e istituzioni nei rispettivi ambiti di riferimento (i Vigili del Fuoco, la Croce Rossa Italiana, ecc.);

    • organizzazione di un convegno annuale rivolto alla partecipazione dei maggiori esperti del settore al fine di approfondire le tematiche più importanti e di interesse generale;

    • disseminazione di notizie su protezione civile e gestione delle emergenze mediante i canali di comunicazione dell’Accademia, primo tra i quali il sito web disponibile all'indirizzo www.apgce.org.

  2. Attività di ricerca, tra cui:

    • analisi delle “best practice” portate avanti dalle autorità a livello locale, regionale, nazionale e internazionale.

  3. Attività di formazione, anche in modalità e-learning:

    • seminari finalizzati alla formazione di personale specializzato in materia di Piani di Emergenza Comunale;

    • redazione di materiale tecnico e manuali operativi a supporto di esercitazioni e prove sul campo in luoghi ritenuti particolarmente critici per lo scatenarsi di eventi catastrofici;

    • corsi per la sicurezza nei luoghi di lavoro e corsi di gestione delle emergenze e di primo soccorso

TORNA SU